chi siamo

  • Facebook
  • Instagram

RIPA nasce per proteggere e preservare la splendida e fertile area intorno al lago di Bolsena conosciuta come TUSCIA. Questo antico lago è un'importante fonte d'acqua per la sussistenza agricola. Molti agricoltori locali utilizzano metodi tradizionali per produrre colture sostenibili, rispettando le stagioni ed evitando metodi agrochimici e industriali. I prodotti locali sono di ottima qualità, e consentono a questi agricoltori di sostenersi per il loro duro lavoro. Grazie al clima mediterraneo, la produzione è ampia: verdure come zucchine, melanzane, pomodori, patate, insalata, carote, barbabietole, cavoli, rucola e canapa. Ma anche vino bio-dinamico, olio d'oliva biologico, miele, formaggio di pecora, mucca, bufala e capra, yogurt, diversi tipi di pane e farina biologica, legumi come lenticchie e fagioli, conserve come pomodori secchi, marmellate, mostarde, frutta secca, crema di nocciole da noccioli selvatici. Si trovano anche erbe e spezie come peperoncino, coriandolo, zafferano, basilico, timo, canapa, oltre a insolite bevande alcoliche a base di ciliegia, finocchio e ginepro.

logo ok.png
Clementine-BW-web.jpg

Gran parte della comunità è composta da giovani agricoltori, che si sono trasferiti dalle città alla ricerca di una vita più sana e ricca di significato. Le attrezzature e le risorse agricole sono spesso condivise, insieme allo scambio di conoscenze, spesso facendo rivivere vecchie tecniche agricole che erano state scartate a favore della produzione agrochimica alimentare. Si è riunita una comunità denominata CRD (Comunità Rurale Diffusa) , che si prende cura di tutti i suoi partecipanti, coltivando ma anche restituendo alla terra, preservandola per le generazioni future, salvaguardandola dai danni e dallo sfruttamento eccessivo. Purtroppo non tutti condividono questa visione. Investitori esterni hanno recentemente invaso la zona, acquistando ampie fasce di terreno per la monocoltura di nocciole con l'intento di sfruttarle per il massimo profitto, senza restituire nulla alla terra o alla comunità. Questo tipo di comportamento deve essere legalmente fuorilegge e il RIPA è stato istituito per fare campagna contro questa attività ingiusta e distruttiva. Siamo fortemente contrari alla monocultura agricochimica, che ha già impoverito milioni di ettari di terreno in tutta Italia. Se si lascia che ciò continui, la fertilità della terra andrà persa e non saremo in grado di nutrirci.

A sostenere questa campagna e sostenere la comunità agricola ci sono organizzazioni interconnesse che hanno lavorato duramente per la conservazione della biodiversità intorno al Lago di Bolsena. L'Associazione Lago di Bolsena, fondata da Piero Bruni 40 anni fa, ha condotto una vasta campagna sul grave problema delle fuoriuscite di acque reflue, nonché sui pericoli dell'energia geotermica e sull'espansione della monocoltura, dell'eccessiva irrigazione e dei pesticidi. BLEU (Bolsena Lago d'Europa) fornisce notizie, interviste e informazioni sui temi ecologici del lago, sensibilizzando in particolare i residenti europei alla causa. La Porticella lavora con la comunità di Bolsena, valorizzando e tutelando le risorse culturali e ambientali locali attraverso le arti e la creatività. Il Comitato Quattro Strade è stato istituito per salvaguardare le caratteristiche, i paesaggi e gli animali di un'area nei pressi di Sugano e Canonica, recentemente impiantata con 100 ettari di monocoltura di nocciole. Infine, il CISA ( Comitato Interregionale Salvaguardia Alfina) ha intrapreso una campagna eroica contro il FRACKING intorno a Torre d'Alfina, che potrebbe destabilizzare gravemente la sicurezza geologica della regione dato che l'intera area è sismica.