Agricoltura in tuscia

  • Facebook
  • Instagram
logo ok.png

La zona della TUSCIA si trova nell'Italia centrale, alla confluenza delle tre province di Umbria, Lazio e Toscana. L'apice è il Lago di Bolsena, il più grande lago vulcanico d'Europa. L'attività vulcanica qui cessò 2100 anni fa, ma l'eredità è un meraviglioso terreno vulcanico fertile che si estende fino a 30 km in tutte le direzioni. Ciò ha consentito agli agricoltori di produrre un'enorme varietà di raccolti in questo clima mediterraneo. La zona in particolare intorno a Bolsena era tradizionalmente famosa per la sua grande varietà di ortaggi e frutta. Nel corso degli anni, tuttavia, i cosiddetti "progressi" dell'agricoltura mediante trattamenti chimici sono stati utilizzati in modo coerente dagli agricoltori locali. Grandi piantagioni di alberi di nocciole vengono ora coltivate vicino alle coste, queste richiedono grandi quantità di pesticidi ed erbicidi per la protezione perché la monocoltura lascia qualsiasi pianta incapace di badare a se stessa. Tutte queste sostanze chimiche stanno filtrando nel lago. Il risultato è ora che il lago, un'area d'acqua di oltre 100 kmq e in alcune parti di 400 metri di profondità, è diventata fortemente inquinata. Il fosforo è la causa principale, la quantità misurata è raddoppiata negli ultimi 12 anni, aumentando la biomassa di fitoplancton che soffoca l'acqua da ossigeno sufficiente, il che significa che alla fine nessuna vita potrà esistere all'interno del lago. Solo 50 anni fa Bolsena era conosciuta per avere alcuni dei più grandi e prolifici numeri di pesci d'acqua dolce in Italia, per quei giorni dovranno essere introdotti cambiamenti radicali.

Elisa with wine.jpg

Molti degli agricoltori locali utilizzano metodi tradizionali per produrre colture sostenibili, rispettando le stagioni ed evitando metodi agricochimici e industriali. La qualità dei prodotti locali è deliziosamente nutriente e conveniente, consentendo a questi agricoltori di ricompensarsi e sostenersi per il loro duro lavoro. A causa del clima mediterraneo, la produzione è ampia e spazia da verdure come zucchine, pomodori, patate, insalata, carote, barbabietole, cavoli, rucola e canapa. C'è anche vino biodinamico, olio d'oliva biologico, miele, formaggio di pecora e capra, yogurt, diversi tipi di pane e farina biologica, legumi come lenticchie e fagioli, conserve come pomodori secchi, marmellate, mostarde, frutta secca e nocciole fatte in casa da spalmare di selvaggina alberi di nocciole. Ci sono erbe e spezie likechilli, coriandolo, zafferano, basilico, timo, canapa, oltre a insolite bevande alcoliche a base di ciliegia, finocchio e ginepro.