• Facebook
  • Instagram
map-of-tuscia.jpg

Vedi la mappa della piantagione

di nocciole nella tuscia

dieci motivi per cui la monocoltura dei noccioleti è un problema così grave

Hazelnut-planting-Torre-Alfina.jpg

Azione contro la piantagione di nocciole sull'altopiano dell'Alfina 27/7/20

Primo: coltivato nella foresta o nel bosco, il nocciolo di per sé non è un problema, ma quando viene coltivato in modo monoculturale non ha protezione da altre specie vegetali e diventa facilmente vulnerabile ai parassiti. Questi parassiti devono essere irrorati con prodotti chimici agricoli che inquinano l'aria, il suolo e l'acqua.

Secondo: le gigantesche società di nocciole aziendali richiedono la nocciola "perfetta" e impeccabile, raccolta in condizioni perfette dopo che cade a terra durante la raccolta. I coltivatori ne sono consapevoli e spruzzano erbicida sotto gli alberi per eliminare qualsiasi danno da insetti o funghi, rendendo di conseguenza sterili i primi 10 cm di terriccio. Nessun insetto o avifauna può esistere in tandem con le piantagioni di nocciole.

Terzo: in stagione ogni nocciolo necessita di 30 litri di acqua al giorno, che stanno esaurendo tutte le falde acquifere della zona oltre che inquinando la falda freatica

Quarto: la nocciola non è una coltura di prestigio, a differenza del vino e dell'olio d'oliva che contribuiscono positivamente alla cultura e all'economia della regione. Inoltre, tutto il valore del raccolto di nocciole viene estratto dall'area di coltivazione, nelle tasche di speculatori e società esterne.

Cinque: le migliaia di ettari di terreno utilizzati per la coltivazione delle nocciole non possono essere utilizzati per nessun altro 

Sei: Ci sono prove di gravi problemi di salute. I prodotti chimici utilizzati per le nocciole permeano e contaminano l'acqua potabile locale rendendola inadatta al consumo umano. Le sostanze chimiche provocano la formazione di un cianobatterio chiamato "Plankthotrix Rubescens", comunemente chiamato alga rossa. C'è stato un aumento di rari tumori inspiegabili nell'area di Lago di Vico.

Sette: i nuovi noccioleti impiegano cinque anni per fruttificare. Durante questo periodo i coltivatori traggono vantaggio da un sussidio "biologico" versato loro dall'UE per l'agricoltura senza pesticidi, solo perché l'albero è troppo giovane per fruttificare. Nel sesto anno, quando i frutti appaiono, i contadini rinunciano al loro stato biologico e iniziano a spruzzare prodotti chimici sopra e sotto gli alberi, e il danno inizia.

Otto: la Tuscia ha un'importante industria turistica, gravemente minacciata dalle conseguenze della monocoltura della nocciola

Nove: attualmente ci sono pochi investimenti per la coltivazione biologica di nocciole. La nocciola è davvero importante solo per un'azienda che utilizza il 30% della fornitura globale. 70000 ettari di questa fornitura saranno coltivati ​​in Italia entro il 2025.

Dieci: Nella Tuscia c'è una nuova generazione più giovane di agricoltori biologici i cui mezzi di sostentamento sono seriamente minacciati dall'inquinamento dei noccioleti e dai costi dei terreni che sono aumentati in modo esponenziale a causa dei prezzi che gli speculatori di nocciole vogliono pagare.

Dall'autunno 2018 sono stati piantati quasi 1000 ettari di nuovi noccioleti nel raggio di 10 km dal lago di Bolsena, nel centro Italia.

Piantagione di nocciole