Biodistretto Lago di Bolsena

  • Facebook
  • Instagram
logo ok.png

Un “Biodistretto” in Italia descrive un'area in cui l'ambiente è protetto. I livelli di protezione sono definiti in linee guida concordate tra i governi locali all'interno dell'area coperta dal Bio-distretto. Queste linee guida coprono tutti gli aspetti dell'ambiente, a partire dalla pratica agricola a base biologica, il rispetto per il suolo, il trattamento dell'acqua e dell'aria, la gestione dei rifiuti, il turismo e il commercio. Spesso un Biodistretto creerà un "marchio" speciale che le imprese conformi possono utilizzare sui loro prodotti e servizi come segno di rispetto e qualità. Tuttavia, l'accordo e la conformità possono essere difficili e senza alcun fondamento legale è molto più difficile per qualsiasi Biodistretto avere un impatto significativo sull'ambiente che cerca di proteggere. Una volta raggiunto l'accordo, il Bio-distretto deve anche assicurarsi che le sue regole siano rispettate da coloro che partecipano, con un'efficace vigilanza di conformità.

Sono 32 i “Biodistretti” ufficiali in tutta Italia. L'iniziativa più recente è la creazione di un Biodistretto intorno al Lago di Bolsena, un'area di estrema fragilità a causa di anni di agricoltura con fertilizzanti chimici e pesticidi, che finiscono tutti con l'acqua del lago. Di conseguenza il lago è ora sul confine di essere eutrofizzato, il che significa che il suo ecosistema sarà quasi trascurabile. Questo è già accaduto al Lago di Vico, che non dispone di acqua potabile idonea al consumo umano a causa della chimica utilizzata nell'industria monoculturale della nocciola.

Lago di Bolsena visto da Marta

Bolsena-sunset-web.jpg

La nuova ed entusiasmante iniziativa per il Biodistretto del Lago di Bolsena coinvolgerà tutti i comuni che costeggiano il lago, nonché altri che ricadono in prossimità o all'interno dei bacini idrologici e imbriferali. In effetti, potrebbe benissimo diventare il più grande Biodistretto d'Italia. Questa iniziativa sarebbe un meraviglioso primo passo per rigenerare la fragilità dell'ecosistema intorno al lago, nonché un gradito impulso per gli agricoltori che hanno lottato per mantenere la loro pratica biologica senza il supporto né della Regione Lazio, né del dipartimento agricolo dell'UE, che hanno proposto una nuova PAC che sembra favorire le grandi pratiche agricole industriali.

Un nuovo Biodistretto intorno al lago di Bolsena deve partire da un Ethos che permetta ai cittadini di comprendere che il Biodistretto può avere non solo benefici economici, ma anche costruire una comunità che metta al primo posto l'ambiente, con una salute generale migliore. Ciò significa promuovere pratiche agricole alternative, orientarsi verso un'economia circolare e preservare la biodiversità che è stata fortemente ridotta negli ultimi anni. È una fantastica opportunità per la Tuscia e di cui tutti possono beneficiare.